Un lavoro normale.

di Studio legale Porci & Cane

– Massimiliano ti stai proprio facendo vecchio.
– Pierpaolo ti prego, sto cercando di lavorare.
– Certo, perchè ormai solo a quello pensi…
– A differenza tua vuoi dire ?
– Ah ah ah! Guarda che ti ascoltavo prima mentre parlavi con il praticante – Eri tutto un “mi scrivi l’atto di citazione, fai attenzione a questo, mi controlli quello, fai una telefonata all’ingegnere…
– E quindi ?
– Quindi ti stai rincoglionendo Massimilià, lo stai facendo venire su una signorina a ‘sto ragazzo! Dimmi la verità ti ricordi quanto ci divertivavo a torturare i praticanti qualche anno fa?
– Cazzo dici Pierpaolo…
– Dico che con Raffaele ancora ridiamo quando pensiamo alla praticante bionda obesa che avevamo 3 anni fa…
– Quella di Lunghezza?
– Si quella di Lunghezza che hai mandato a fare una iscrizione a ruolo al giorno per sei giorni di seguito.
– Vero, anche il sabato l’ho mandata…poveraccia.
– Eri una merda Massimiliano, una merda, e ora per un deposito a Pescara sembri divorato dai sensi di colpa… che ce lo devo dire io che deve andare lui perchè il domiciliatario vuole 150 euro?
– No su, facciamolo insieme, ma vai a chiamarlo tu, che se lo convoco al telefono poi pensa che voglio dargli l’aumento.
– Però giochiamoci un pò Massimiliano, su… O devo chiamare Lele?
– No no, per carità, lascialo perdere Raffaele. Oggi già l’ho visto in corridoio che gli girava…

*****

– Accomodati.
Io e Massimiliano fumiamo, stiamo zitti per qualche secondo, poi gli passo un foglio di carta preso a caso dalla scrivania, lui lo guarda e fa un segno di assenso.
– Senti ti abbiamo chiamato perchè c’è una cosa seria di cui ti vogliamo parlare… – inizio io.
– Vi… ascolto. Ditemi.
– Dunque, io non so come dirtelo…
– Infatti, il problema è che non sappiamo proprio come dirtelo… – mi ruba la parola Massimiliano – Vedi, noi ci siamo accorti di come guardi la praticante.
– La praticante?!
– La praticante, sì.
– No, come – è confuso – In che… senso, Avvocato?
– Eh, in che senso, in che senso… Sul posto di lavoro non si fanno queste cazzate, capisci ?
– Ma…state scherzando vero?
– Ragazzo cerca di non fare cazzate, perchè qui tu hai un rimborso spese, e lì fuori è davvero un momento difficile. Tra l’altro quell’essere in stanza con te non vale assolutamente questo sbattimento.
–  Ma, credetemi,  vi state sbagliando! Cioè…Non è così!
–  Guarda noi lo diciamo per te! Perché sei in gamba… Non ti puoi far fregare solo da un bel culetto con tutte le ragazze che ci sono fuori… e poi osservala bene, non lo vedi che sogna solo di farsi mettere incinta e farsi mantenere ? Tu poi la manterresti una così ?
–  …
–  No, non la manterresti.
– Io non capisco di cosa state parlando…
– Non la potrai neanche mantenere una così se farai questo mestiere nei prossimi 10 anni. E poi lo sai che ci vogliono due stipendi a casa per andare avanti oggigiorno vero?

Massimiliano si alza, ride e da una pacca sulla spalla del Praticante.

– Eddai che non lo capisci che stiamo a giocà?! – faccio io.
– Sì, ma sì, certo…immaginavo… – è improvvisamente sereno – anche perchè io poi la praticante…sì ok un bel culo, niente da dire… ma a me-
– Sì sì, senti ragazzo mio – taglia corto Massimiliano – giovedì c’è da fare un deposito in Tribunale a Pescara e l’altra volta il domiciliatario ha fatto un casino, che dici, vai tu?
– …

Avv. Pierpaolo Porci

Annunci