Heat-la Sfida: Le elezioni al Consiglio dell’Ordine

di Studio legale Porci & Cane

Potranno dire tutto quello che gli pare. Tutto.
Che gli Avvocati sono dei ladri, dei morti di fame in giacca e cravatta, delle figurine, delle persone che prendono in giro i clienti e se stessi. Ma chi dice così è chiaro che non è mai stato al Palazzo di Giustizia nei giorni del ballottaggio. Il ballottaggio per le elezione al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma.
Perché, altrimenti, avrebbe capito che gli Avvocati sono invece una splendida, irrequieta ed a tratti allegorica umanità. E la riprova è data, anche e soprattutto, dai due rappresentanti delle liste che animano “la sfida alla poltrona”: Mauro Vaglio (per gli outsiders) e Antonio Conte (per i campioni in carica).

Quest’ultimo, è un bell’Uomo. Uno Yuppie vecchio stampo, diciamo che è il tipico avvocato anni 80. Una sorta di Piersilvio Berlusconi del diritto. Cravatta sovradimensionata, pieno di capelli e pochette, ma con un unico evidente difetto: la forte cadenza romana.
Nondimeno, grazie ai suoi risultati, l’Avvocato in parola, è conosciuto nell’ambiente come il “Perry Mason della A.S. Roma”.

Tratto dal Corriere della Sera di qualche anno fa..
“Da ragazzino era il papà Emilio, da cui ha ereditato anche la professione, a portarlo allo stadio: prima partita un Roma-Vicenza, nel ‘ 68; il ricordo più bello legato ad un derby vinto per 1-0, gol di De Sisti, nel ‘ 74. Poi la sentenza di mercoledì scorso: la grande vittoria, infatti, è arrivata alla vigilia dell’ anniversario della scomparsa del padre, morto il 23 gennaio ‘ 99. Antonio Conte (single, segno Vergine, gira in motorino, ama le belle macchine ed è un frequentatore del circolo «Due Ponti»), per i tifosi giallorossi è già diventato un paladino: «Ci sono certi profili di ingiustizia che spingono un professionista a dare il massimo», replicano dal suo studio. Ma basta un esempio: un tifoso, Luigi Colasante, arrivò a via Poma – dove è sito lo Studio Conte – con una mano ferita da un petardo, souvenir di Juve-Roma 2-2, l’ anno dello scudetto. La sua testimonianza fu decisiva per la revoca della squalifica dell’ Olimpico. In cambio, ricevette una maglia con un autografo di Totti.”
Magie..

La seconda lista, al momento la favorita, è invece capeggiata da Mauro Vaglio, l’Avvocato più votato. Vera Nemesi di Conte e perfetto opposto.
Niente pochette, niente Bell’Uomo e (mentre lo scrivo mi gratto scaramanticamente) niente capelli. Ma con un sito che va un sacco. E lo sapete tra chi va un sacco? Tra i  “Parafangari”. Quelli che tutti prendono in giro e bistrattano, ma che costituiscono la stragrande maggioranza. Anzi, credo io, costituiscono l’Avvocatura stessa.
Perché tutti vogliamo essere dei Professori o degli Avvocati d’affari, ma in fondo, volendo un attimo astrarsi dai soldi, tutti sappiamo che si gode di più a vincere una causa per un cliente poveraccio e morto di fame che a far insinuare in prededuzione una Banca in una qualsiasi procedura concorsuale. La Verità.

Questo sito, che ho avuto il piacere di consultare, si caratterizza per una fitta giurisprudenza relativa alle sanzioni amministrative (le multe). Come ho conosciuto questo sito? lo dico subito e concludo.
Una settimana fa da questo sito è partita una mail in cui L’Avv. Vaglio spiegava di esser stato accusato, da parte di anonimi, definiti “Avvocati trasversali”, di far parte di un oscuro complotto architettato <<  dall’indimenticato Avv. Federico Bucci il quale, in combutta con Cassiani e con la “longa manus” di Vaglio, mirava a tornare alla ribalta dell’Avvocatura romana condizionando le elezioni per il Consiglio dell’Ordine e piazzando suoi “fedelissimi” nei primi posti >>.
Ma il bello viene quando, mettendo a confronto i fax inviati dagli anonimi “Avvocati trasversali” ed i fax di Conte, con un approccio alla tenente Colombo, l’Avv. Vaglio spiega come sia (i) il formato utilizzato sia (ii) il numero di fax, in realtà, sarebbero quelli dell’avversario Antonio Conte (cfr. link)

Adesso non so se sia vero e, francamente, neanche mi interessa in quanto, alla fine, io sono già felice così. Io ho avuto la fortuna di partecipare a forse una delle più belle pagine dell’Avvocatura Romana e potrò dire che “io c’ero” quando, durante il ballottaggio, il Palazzo di Giustizia pareva Via Sannio[1].

Il Praticante #1


[1] Famoso mercato romano (Zona San Giovanni)

Annunci